Contenido principal del artículo

Amparo Latorre Romero
Università degli Studi di Roma La Sapienza
Italia
Núm. 38 (2017), Artículos, Páginas 109-116
DOI: https://doi.org/10.24310/BoLArte.2017.v0i38.3364
Derechos de autor

Resumen

Obiettivo di questo articolo è identificare gli elementi che permettono di costruire un punto di vista storico-artistico e critico a partire dall’Olocausto fino ad arrivare alla questione dell’abietto. Se il concetto di abietto è stato, nel corso del Novecento, sia nella storia dell’arte che nell’estetica o nella semiotica, alla base del superamento dei limiti simbolici, psichici e culturali, per tentare di trasgredire o di perturbare i sistemi identitari sia individuali che collettivi, nell’abiezione nell’arte tali questioni si presentano in form estremamente originali. Lo studio cerca dunque di dimostrare, anche attraverso una linea teorica che Julia Kristeva ha trattato nel suo libro Pouvoirs de l’horreur, che il discorso si costruisce su concetti e poetiche connessi all’abiezione. Partendo da queste considerazioni sarà interessante riconoscere la presenza di immagini dell’abietto.

Descargas

La descarga de datos todavía no está disponible.

Detalles del artículo