Contenido principal del artículo

Maria Alicata
Sapienza - Università di Roma
Núm. 40 (2019), Artículos, Páginas 245-253
DOI: https://doi.org/10.24310/BoLArte.2019.v0i40.5703
Derechos de autor

Resumen

Il saggio vuole approfondire alcuni aspetti specifici della filmografia di Pia Epremian De Silvestri filmmaker nata a Chivasso in provincia di Torino nel 1942. 

Attraverso l'analisi dei suoi film è possibile ripercorrere la vicenda del cinema sperimentale in Italia che fiorisce nella seconda metà degli anni Sessanta epoca che vede nascere spazi di condivisione e collaborazione: collettivi di artisti, di cineasti come la Cooperativa Cinema Indipendente (1967-1971), di studenti, di femministe. Tra le poche donne filmmakerattive in quel periodo, i suoi lavori rispecchiano la ricchezza di questo momento storico tra produzione e sperimentazione artistica, dove la dimensione soggettiva e personale è predominante. Si tratta di un cinema girato in prima persona che caratterizza la sua produzione e che ha contribuito alla creazione di una nuova identità femminile.

Detalles del artículo

Referencias

A. Aprà (a cura di), New American Cinema. Il cinema indipendente americano degli anni Sessanta, Ubulibri, Milano 1986

S.Bordini, Videoarte e arte. Tracce per una storia. Carocci, Roma, 1995

G. Bruno, M.Nadotti (a cura di), Off Screen:Women and film in Italy, Routledge, Londra e New York-1988

B. Di Marino, Sguardo inconscio azione. Cinema sperimentale e underground a Roma (1965-1975), Lithos, Roma 1999

V. Fagone, L’immagine video, Feltrinelli, Milano 1990

A.Madesani, Le icone fluttuanti. Storia del cinema d'artista e della videoarte in Italia. Bruno Mondadori, Milano 2002

L. Vergine, Il corpo come linguaggio, Prearo, Milano 1974