Contenido principal del artículo

Valeria Bucchetti
Politecnico di Milano
Italia
Biografía
Vol. 14 (2019), Artículos académico-científicos, Páginas 133-149
DOI: https://doi.org/10.24310/Idiseno.2019.v14i0.7088
Derechos de autor Cómo citar

Resumen

Il progetto WeMi. La città per il welfare costituisce il fulcro di questo contributo poiché si offre come caso paradigmatico per compiere, ex post, alcune riflessioni sul terreno disciplinare del Design della comunicazione e, più specificamente, del Design della comunicazione per il welfare.

Si tratta di riflettere su nuovi e vecchi compiti del Design della comunicazione, sulle responsabilità e funzioni del Design della comunicazione per il Welfare, considerando le sfide progettuali e le Insidie che la trasformazione, guidata dal ruolo assunto dalla Rete e dai media digitali, impone a questo campo del progetto. Ma anche di soffermarsi sul modello di società che si intende promuovere, interrogandosi sui modi più adeguati per favorire spazi di incontro, tra designer della comunicazione e istituzioni pubbliche, sul piano delle comuni responsabilità culturali. 

Citado por

Detalles del artículo

Referencias

Anceschi, G. (1981). Progettazione visiva: convenzioni e procedimenti di rappresentazioni. Budrio, Italia: Edizioni Officina Immagine.

Anceschi, G. (a cura di) (1984). Prima Biennale della Grafica. Milano, Italia: Arnaldo Mondadori Editore.

Anceschi, G. (1992). L’oggetto della raffigurazione. Milano, Italia: Etas.

Anceschi, G. (2011). Beyond Graphics. In G. Camuffo & M.Dalla Mura (a cura di), Graphic design worlds/words edited. Milano, Italia: Electa (La Triennale di Milano, Design Museum).

Baule, G. (2017). Rileggere la comunicazione di pubblica utilità. In V. Bucchetti (a cura di), Un’interfaccia per il welfare. Le funzioni sociali del design della comunicazione (pp.23-34). Milano, Italia: FrancoAngeli.

Baule, G., & Caratti, E. (a cura di) (2016), Design è Traduzione. Il paradigma traduttivo per la cultura del progetto. “Design e Traduzione”: un manifesto. Milano, Italia: FrancoAngeli.

Baule, G. (2005), Etiche della comunicazione. LineaGrafica 359, pp. 12-13.

Belpoliti, M., Canova, G. & Chiodi S. (a cura di) (2007). Annisettanta, Milano, Italia: Skira.

Bollini, L. (2003). I “Manifesti”, coscienza etica della professione. In L. Bollini & C. Branzaglia (a cura di), No Brand more profit / Etica e comunicazione. Milano, Italia: Aiap Edizioni.

Brovelli, S., Farrauto, L., & Sfligiotti S. (a cura di) (2012). Spazio Comune. Progetto grafico, n. 22, 2012.

Bucchetti, V. (2017). WeMi: un progetto di identità per il welfare. Territorio, n. 8, p. 99-105.

Bucchetti, V. (a cura di) (2017), Un’interfaccia per il welfare. Le funzioni sociali del design della comunicazione, Milano,Italia: FrancoAngeli.

Celaschi, F. (2016). Non industrial design. Contributi al discorso progettuale, Vignate, Italia: Luca Sossella Edizioni.

Consalez, L. (2017). La costruzione di uno spazio ibrido. Co-progettazione; elementi e limiti del progetto: RABWeMi SanGottardo, Territorio, pp. 88-98.

Mancini, P. (2002a). Manuale di comunicazione pubblica, Roma-Bari, Italia: Laterza.

Mancini, P. (2002b). Perché comunicazione pubblica? Le ragioni sociali di uno sviluppo impetuoso. Quaderni di sociologia, 30: 5-15.

Mondzain, M.J. (2015). L’image peut-elle tuer ?. Montrouge, Francia: Bayard Editions.

Meroni, A. (2003). Rappresentare soluzioni: strumenti e tecniche per raccontare i servizi. In: E. Manzini & F. Jégou Quotidiano sostenibile. Scenari di vita urbana. Milano, Italia: Edizioni Ambiente.

Papanek, V. (1971). Design for the Real World: Human Ecology and Social Change, New York, USA: Pantheon Books.

Papanek, V. (1995), The Green Imperative. Singapore: Thames & Hudson.

Papanek, V. (1983), Design for a Human Scale. New York, USA: Van Nostrand Reinhold Co.

Pignotti, L. (1984), Appunti pe runa grammatica e una identificazione della grafica di pubblica utilità. In G.Anceschi (a cura di), Prima Biennale della Grafica, Milano, Italia: Arnoldo Mondadori.

Rosina, A., & Sorgi, S. (2016). Il futuro che (non) c’è. Milano, Italia: Università Bocconi Editore.

Steiner, A. (1973). La grafica degli Enti Pubblici. Linea grafica, 1, 2, 3.

Sinni, G. (2018). Una, nessuna, centomila. L’identità pubblica da logo a piattaforma. Macerata, Italia: Quodlibet.

Visconti, P. (2017). I sistemi di identità per il welfare. In V. Bucchetti (a cura di), Un’interfaccia per il welfare. Le funzioni sociali del design della comunicazione. Milano, Italia: FrancoAngeli.